IgersAwards: intervista alla mamma di @virgola_

News

IgersAwards: intervista alla mamma di @virgola_

virgola_2

La prima edizione degli Igers Awards si è conclusa. Abbiamo premiato 17 vincitori che vogliamo farvi conoscere più da vicino. Ecco quindi le interviste a chi si è aggiudicato l’ambito riconoscimento in ogni singola categoria.

Partiamo con Virginia (La Virgi, ovvero @virgola_), che si è aggiudicata l’Iger Award nella categoria Arte.

Chi è La Virgi?

28 anni, fiorentina di adozione e siciliana di nascita, sono laureata in storia dell’arte medievale e non ho mai studiato disegno. Ho avuto tuttavia l’occasione di rubare con gli occhi ai maestri e ai bravissimi alunni di un’accademia d’arte qui a Firenze quando lavoravo come modella. È stata un’esperienza divertente e interessante, ma ho smesso quando i miei disegni hanno iniziato a farmi guadagnare qualcosa. Al di là del quanto, è la cosa che mi rende più orgogliosa.

La premiazione di @virgola_ (foto di @morenaemme)

La premiazione di @virgola_ (foto di @morenaemme)

@virgola_ e Instagram… come, quando, quanto e da quanto?

Uso Instagram da quando non avevo ancora uno smartphone, ovvero usando l’iPhone del mio ragazzo. In un primo momento non condividevo i miei disegni per insicurezza e tanta timidezza. Ho iniziato piano piano un annetto fa e ci ho preso gusto. Poi, verso novembre è nata Virgola, e adesso non riesco a immaginare il mio profilo senza una vignetta!

Qualche suggerimento per chi ti segue e vorrebbe raccontare la propria arte attraverso Instagram?

Sicuramente non lasciarsi ossessionare dai numeri, quindi numero di follower, like e commenti. Tra i miei disegni, per esempio, quelli che più mi piacciono sono quelli con meno like e non per questo penso che valgano meno, anzi, credo siano quelli che mi abbiano più fatto crescere. E lo stesso vale per i profili di tantissima gente veramente brava. Non sto a guardare i numeri, guardo le immagini.

virgola_3Veniamo al tuo trionfo nella categoria Arte per la prima edizione degli Igers Awards: bravissima! Ripercorriamo insieme questo “viaggetto”?

Non lo so neanche io cosa sia successo e cosa ci faccio in mezzo a nomi così prestigiosi! Condivido i miei disegni con l’obiettivo di regalare un sorriso a qualcuno, e a un certo punto questo sorriso è diventato contagioso, il numero dei seguaci è aumentato e quando ho scoperto di essere tra i finalisti ho condiviso l’immagine degli Instagramers Awards ricevendo moltissimi messaggi di incoraggiamento. È una vittoria di gruppo: senza tutta la gente che mi ha sostenuta non ci avrei mai creduto. Alla fine il sorriso è tornato al mittente!

Tre Igers che consigli di seguire.

In primis @MaghettaStreghetta: la seguo da sempre e mi lascia ancora senza parole. È anche un’ottima cuoca, ma in questo non posso seguirla, sono una frana! Non potrei smettere di seguire @Paperfashion visto che sono appassionata di acquerello, così come adoro il profilo di @pastiglieleone, lo reputo dolcissimo, mai banale, né lezioso.

virgola_1Cosa non ti ho chiesto e invece avrei dovuto?

Forse una cosa c’è. È una piccolezza, ma nessuno mi ha mai chiesto come mai il mio personaggio, Virgola, non ha la bocca. La cosa divertente è che molti non ci fanno nemmeno caso. Virgola non ha la bocca come non ha espressioni perché è un disegno aperto. Ho notato che chi la guarda ci vede un’espressione diversa: c’è chi la vede malinconica, chi sempre allegra. Mi piace l’idea di lasciare un canale tra chi guarda e l’illustrazione, così da farla sentire più vicina, ma allo stesso tempo rimanere impersonale.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
Cortona On The Move Iquii acqua village follonica cecina

Pin It on Pinterest

Share This