Videogiochi e fotografia: ne parliamo con il papà di PacMan

News

Videogiochi e fotografia: ne parliamo con il papà di PacMan

Servizio a cura di Ilaria Regalbuto (@ilarega)
In occasione della Milan Games Week abbiamo avuto il privilegio di documentare l’evento (#MilanGamesWeek) come Ambassadors e fare una chiacchierata su videogiochi e fotografia con uno dei guru dell’industria videoludica e mito indiscusso degli anni ’80, “Toru Iwatani san“. Se questo nome non vi dice nulla non disperate, avete presente Pac-Man, le pillole, i fantasmini e la musica a 8 bit ? Ecco: ci troviamo dinanzi al papà e ideatore del gioco a cui tutti abbiamo giocato almeno una volta, nelle vecchie e fumose sale giochi o a casa, su dispositivi ormai appartenenti all’archeologia videoludica come Atari, Commodore 64 e Super Nintendo. Se invece, anche dopo questa rivelazione, non sapete di cosa stiamo parlando, cercatelo su iOS e Android e diventatene addicted come noi.
pacman3Lo abbiamo incontrato sulla splendida terrazza dell’Hotel Boscolo, il Duomo sullo sfondo, un mini pac-man di peluche che stringe orgoglioso e divertito e un bellissimo sorriso. Foto di rito e l’intervista può iniziare.
[IR] Qual è il suo rapporto con la fotografia e, più in generale, con il mondo delle immagini?
[TI] L’università in cui insegno oggi, la Tokyo Polytechnic University era originariamente un’università per fotografi, e la mia cattedra è stata richiesta da Konica Minolta, per cui c’è una stretta connessione tra la fotografia e la mia carriera. Personalmente mi piace molto scattare fotografie, riuscire a catturare un singolo istante nello scorrere della vita. Al giorno d’oggi l’accessibilità alla tecnologia permette a tutti di fare fotografie, tuttavia ha perso un po’ di quel fascino e quella bellezza dell’era analogica. Per quanto riguarda il rapporto tra fotografia e videogame, credo che siano strettamente connesse, soprattutto nella parte inerente al packaging, che ha il compito di illustrare e raccontare con le immagini i contenuti del gioco e certamente attrarre i giocatori.
pacman4[IR] Che cosa ha ispirato le forme dei personaggi di Pac-Man e dove trova l’ispirazione di solito?
[TI] Quando si sviluppa un videogioco, si pensa prima di tutto alle azioni che i personaggi dovranno compiere, come correre, spingere, tirare o trattenere. E’ questo il punto di partenza, la chiave da cui si inizia a lavorare, che determina la costruzione del gioco. Pac-Man era stato originariamente pensato per un pubblico femminile e di coppie, azioni come sparare e uccidere non erano adatte, mentre forse mangiare poteva essere l’azione giusta. Così una sera stavo mangiando una pizza, avevo tagliato una fetta e all’improvviso ho avuto l’ispirazione, mi sono reso conto che quella forma poteva essere perfetta per Pac-Man. Il titolo oiginale era Puckman che significa  “chiudere e aprire la bocca” in giapponese. Le forme dei personaggi sono sempre ispirate dalle azioni che il protagonista dovrà compiere.
[IR] Cosa pensa dei videogiochi di oggi?
pacman2[TI] Inizialmente i videogiochi venivano utilizzati da un pubblico ristretto di appassionati, oggi chiunque può giocare, dalle persone più adulte ai ragazzini, alle donne. Lo stesso paragone si può fare anche per la musica e la fotografia, in passato solamente una persona, all’interno del nucleo famigliare, aveva il compito di scattare le foto, oggi grazie all’arrivo degli smartphone e con lo sviluppo di nuove tecnologie la fotografia, la musica e i videogiochi sono diventati accessibili a un pubblico sempre più ampio, portando a un’evoluzione e un’apertura sempre crescenti verso il mondo e nuove possibilità.
[IR] Conosce o ha mai usato Instagram?
[TI] Certo conosco Instagram ma non ho ancora iniziato a usarlo. So che si possono postare foto e commenti, ma non sono un esperto: potreste spiegarmelo?
[IR] Instagram è un social network basato sulla condivisione di foto, istanti, like e commenti. E’ molto versatile e lascia all’utilizzatore la scelta: può essere usato come diario fotografico o racconto di un viaggio, da un’artista per promuovere i suoi lavori ed esprimersi, può essere utilizzato per l’informazione e ultimamente abbiamo visto l’ingresso della pubblicità. E’ la personalità dell’individuo o del progetto a emergere e narrare attraverso le immagini.
[TI] Grazie, molto interessante.
E per chiudere questa veloce chiacchierata, un autografo, ancora qualche foto, e ci congediamo con un immancabile “Arigatò“.
===
Photo credits: @ilarega
===
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
Cortona On The Move Iquii acqua village follonica cecina

Pin It on Pinterest

Share This