Marketing

Biteg 2014: Instagramers nelle terre del riso

massolo

@silviomassolo

Da due settimane si è chiusa l’edizione 2014 della Biteg e, devo essere sincera, mi c’è voluto un po’ per rimettere insieme emozioni, immagini, idee… ma soprattutto ho dovuto fare i conti con la riflessione che mi ha accompagnato durante il volo di rientro: quanto poco conosciamo di casa nostra?
A questa mia mancanza, Piemonte Turismo e le ATL di Vercelli, Novara e Biella hanno trovato rimedio!

Mentre dunque, buyer ed esportatori erano impegnati in incontri B2B e B2C, io ero intenta a pedalare in risaia, ad assaggiare riso venere, a scoprire come si produce la birra di riso e a capire la differenza tra panissa e risotto.
Ho lasciato il B2B a chi lo sa fare, per partire per un viaggio in bilico tra H2H (human to human) e H2T (human to territory)… passatemi questo mio ingarbugliato passaggio, ma proprio per districare meglio le emozioni che questo Piemonte mi ha lasciato, ho dovuto necessariamente creare un mio acronimo (il secondo – human to territory, ndr.) ispirandomi alle parole di B.Kramer:

People want to be a part of something bigger than themselves.
People want to feel something.
People want to be included.
People want to understand.

(ovvero: le persone vogliono essere parte di qualcosa di più grande, vogliono sentire qualcosa, essere incluse e comprese, ndr.)

Mi sono emozionata, mi sono sentita parte del territorio e infine ho capito che il Piemonte non è Torino… o meglio non solo Torino: ho scoperto una Novara artistica e artigianale, una Vercelli dinamica, ma sempre molto legata alle sue tradizioni e una Biella ricca di risorse, di storie e altamente produttiva: in mezzo, tanta natura, la voglia di raccontarsi, storie di vita, di passioni, progetti.

Il fil rouge? Il riso si potrebbe dire, ma non solo: il Piemonte ha oltre 116 mila ettari di risaie e da Vercelli, capitale risicola appunto, proviene più di 1/3 della produzione nazionale, tuttavia il Piemonte è anche natura, arte, sport, enogastronomia e molto altro da scoprire, visitare, provare e degustare vivendo con intensità le terre del riso!

Ho pensato dunque a un racconto fotografico – o almeno a un assaggio di quel che è stato – per far capire all’istante  le emozioni che ho provato, e a un ebook con alcuni consigli di viaggio per scoprire in 3 o 4 giorni le tre province risicole: buon viaggio dunque e vi aspettiamo al rientro!

Novara vista dall’alto della Cupola di San Gaudenzio:

Novara: biscottificio Camporelli, produce 100mila biscottini al giorno:

Vercelli in una tazza di tè… prima di scoprirla dal vero!

Cattedrale di Sant’Andrea a Vercelli…

…e una Vercelli veloce, moderna e golosa

Lago di Viverone. Un lago glaciale che copre tre province piemontesi: Biella, Vercelli e Torino:

E un ultimo consiglio per non perdersi nulla di #terredelriso:
qui hai la tagboard per seguire i passi di chi ha vissuto questi itinerari e ripercorrerli a ritroso.

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
...