Giardini D'Artista Maremma

Community

Giardini d’Artista in Maremma: come e quando visitarli

I Giardini d’Artista sono luoghi incredibili in cui si può vivere dei momenti al limite del fiabesco. Le opere d’arte che si trovano in questi siti si confondono con la natura, si può toccarle, viverle, attraversarle.

In provincia di Grosseto ad esempio è possibile passeggiare intorno a delle oche di bronzo, perdersi in un labirinto di specchietti e mattonelle colorate, conoscere un intero esercito di mutanti ecologici, lasciarsi trasportare dai suoni di enormi e leggiadri strumenti di metallo carezzati dal vento.

Tutto questo si trova in quattro Giardini d’Artista dislocati attraverso tutto il territorio maremmano.

Il pù famoso è indubbiamente Il Giardino dei Tarocchi, dell’artista francese Nikki de Saint Phalle, situato vicino a Capalbio. I lavori di realizzazione partirono nel 1979 e solo nel 1998 è stato aperto al pubblico. Le enormi opere si ispirano alle carte dei tarocchi e al Parc Güell di Gaudì a Barcellona, decorate con ceramiche prodotte in loco e specchi, che le rende perfette da fotografare nei giorni di primavera!

Il Giardino è aperto da Aprile ad Ottobre, ma nei mesi invernali l’ingresso è gratuito il primo sabato mattina del mese. Tutte le info al sito ufficiale: http://www.nikidesaintphalle.com/

All’altro capo della Provincia di Grosseto, sul Monte Amiata, si trova il Giardino di Daniel Spoerri, un grande parco di 16 ettari che ospita 112 opere di 55 artisti.

Attraversando radure e piccoli boschi ci si può imbattere in un divano d’erba, in una serra di fiori elettrici, o in un’intera camera d’albergo realizzata totalmente in bronzo ed inclinata rispetto al suolo Camminare in quella stanza è un’esperienza da provare per rimanere totalmente disorientati a causa del differente senso di gravità che si crea.

Il Giardino di Daniel Spoerri è alle porte di Seggiano. Rimane aperto da Pasqua al 31 Ottobre, e da Novembre solo su prenotazione. http://www.danielspoerri.org

Se si alza il vento, è senz’altro il momento migliore per visitare il Giardino dei Suoni di Paul Fuchs, a Boccheggiano.

L’atmosfera onirica creata dai suoni emessi da queste enormi istallazioni realizzate in ferro, bronzo e legno, cambia continuamente seguendo il soffio del vento.

Il giardino è visitabile su prenotazione, e l’artista bavarese può salutare i suoi ospiti improvvisando originali melodie con gli strumenti che ha personalmente costruito.

Per la visita guidata con l’artista telefonare allo 0566 / 998221. Podere Pianuglioli – 58020 Boccheggiano (Gr) www.paulfuchs.com

Infine, un Giardino che ha un profondo significato ecologico: Il Giardino Viaggio di Ritorno dell’artista Rodolfo Laquaniti, nella campagna maremmana a pochi km da Grosseto.

In un capannone a fianco della casa dell’artista, dimora un esercito di strani soggetti: sono dei mutanti creati da Laquaniti utilizzando esclusivamente materiali di recupero, scarti, vecchi oggetti e pezzi di macchinari.

Tornati all’aria aperta, si visita un grande parco dove tra le altre opere, brillano i vetri colorati di una grande sfera che di sera riflettono i colori caldi del tramonto.

E non si può rimanere impassibili di fronte ad un’enorme balena composta da reti da pesca, dove si può entrare per sentirsi un po’ Pinocchio o un po’ Giona.

Baste entrare in contatto con l’artista per poter visitare il suo affascinante Giardino http://rodolfolacquaniti.com.

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
...