I posti più instagrammabili di Catania

Mobile Photography

I 10 posti più instagrammabili di Catania

Dal 29 settembre al 1 ottobre 2017 in Sicilia si è svolta la V Assemblea Nazionale di IgersItalia. Centinaia di Instagramers, arrivati da tutta Italia, si sono ritrovati fra Catania e Siracusa per il più grande incontro annuale offline, dando così vita ad una tre giorni indimenticabile fatta di fotografie, hashtag, colori, grosse e grasse mangiate e tanto divertimento.

Il quartier generale era a Catania dove, il secondo giorno, si è svolta una caccia fotografica all’ultimo click alla ricerca degli spot più belli da fotografare.

Erano cinquanta i luoghi papabili che aspettavano di finire dentro la cornice dello smartphone, cinquanta sui cento invece menzionati all’interno del piccolo e-book “100 cose da instagrammare a Catania” realizzato da Instagramers Catania nel 2015 lanciando l’hashtag ufficiale #100cosedainstagrammareacatania che, su Instagram, ha raccolto oltre 800 foto di oltre 300 utenti. Cinquanta posti che con le loro particolarità hanno scatenato hashtag e geotag senza esclusione di colpi.

Di questi cinquanta oggi ve ne raccontiamo dieci cercando di darvi anche qualche veloce dritta fotografica sui posti imperdibili e più instagrammati della città etnea.

I 10 posti più instagrammabili di Catania

Quartiere di San Berillo

San Berillo è un quartiere silenzioso abitato per lo più da prostitute ed extracomunitari, anche se recentemente è stato avviato un processo di recupero di questo che è uno dei rioni storici di Catania. Passeggiando fra le sue strette viuzze vi ritroverete fra numerosi murales, mattoni a vista, piante, locali colorati e angoli particolari che parlano, che raccontano storie. Strizzate dentro la cornice di Instagram l’atmosfera decadente e affascinante del quartiere ricercando le particolarità del posto.

Silos – Porto

Otto giganteschi silos, anticamente contenenti grano, sono i protagonisti indiscussi del porto della città da quando, grazie ad un progetto internazionale di street art, artisti provenienti da tutta Europa hanno dato vita a colorate opere che rendono omaggio alla bella Sicilia. Il grandangolo vi aiuterà a contenere tutta la grandiosità delle opere sia in verticale che in orizzontale.

La Pescheria

Per iniziare la giornata in città e il viaggio al suo interno dovete necessariamente presenziare al mercato del pesce la mattina presto. Meta del folklore etneo fra centinaia di persone, ombrelloni colorati, profumo di mare e di pesce e, soprattutto, fra i vocioni dei venditori che regalano uno spettacolo pittoresco. Zoommate sui loro visi che il mare ha plasmato, sulle loro mani esperte che sfilettano il pesce, sui banchi di squame colorate appena pescate.

Il Monastero dei Benedettini

Vi eravate abituati alle foto coloratissime della #Sicilia? Ebbene, oggi vi sorprendo con uno scatto dove il bianco e lo stile del tardo barocco siciliano sono i protagonisti! Fortuna che c'è @mrvannenstein a staccare con il colore 😉 Che ne dite, vi piacerebbe studiare qui e riempirvi gli occhi di codesta meraviglia ogni giorno? Beh si può, visto che ad oggi la struttura è sede dell'Università di #Catania. P.s. non capisco se siano le scale storte o gli archi 😂 nel dubbio ho sistemato gli ultimi! . #assembleaigersitalia2017 . #igersitalia #igerssicilia #siciliabedda #italiadascoprire #italiagram #italian_places #autumn4igers #top_italia_photo #visualoflife #makemoments #exploringitaly #europe_vacations #tasteintravel #italytrip #loveitaly #italyblogger #italymagazine #seetoshare #ilikeitaly #click_vision #places_wow #wonderfulphoto #ispiration #archi_focus_on #neverstopexploring #theglobewanderer #mytinyatlas

A post shared by Francesca Saporiti (@viaggiarelontano) on

Il Monastero dei Benedettini o Monastero San Nicolò l’Arena, è un complesso ecclesiastico nel cuore di Catania, oggi sede dell’Università, visitabile gratuitamente. Fra interminabili corridoi, grandi finestre tondeggianti ed eleganti chiostri, qui rimarrete particolarmente estasiati dalla maestosa scala d’ingresso sulla quale trascorrerete diverse mezz’ore alla ricerca dell’inquadratura perfetta con, rigorosamente, un soggetto che sale o che scende.

Chiesa della Badia di Sant’Agata

Di questa #assembleaigersitalia2017 mi sono portata a casa la veduta sul barocco di #Catania. Sono salita sulla cupola della Badia di Sant'Agata dove il bianco candido contrasta con il nero del basalto. Nel susseguirsi di tetti e campanili, da qua mi sono immersa tra arte e bellezza, proprio come piace a me. Ma ho anche osservato con curiosità il via vai dei tantissimi turisti che animano la città. . Un enorme grazie a @igers_sicilia_ per l'ospitalità, l'accoglienza e la simpatia vulcanica! _____________________________________ #sicilia #sicily #widenyourworld #welivetoexplore #lifewelltravelled #folkgood #wonderful_places #mysupervacations #world_vacations #beautifulitaly #discoveritaly #visititaly #exploringitaly #aroundtheworldpix #travel_captures #visualsoflife

A post shared by Pia Cossu (@mariapiacossu) on

Uno dei principali monumenti barocchi di Catania, restituita alla città dopo un’opera di restauro durata anni, dalla cui cupola si può ammirare una meravigliosa vista sui tetti della città, magari quando la luce del sole è meno forte, aspettando quei giochi di nuvole che renderanno unico il vostro scatto.

Scalinata Alessi

La Scalinata Alessi è uno scorcio particolare di Catania che unisce la sua storia medievale e gli edifici barocchi alla movida catanese. Qui, dove passato, presente e futuro convivono tranquillamente rimarrete rapiti dall’estro della street photography che prenderà piede, quasi naturalmente, fra un click e l’altro.

Civita

Il quartiere storico della città, antistante al porto, nel quale trovare, nonostante gli eventi catastrofici che hanno segnato Catania, ancora in piedi vecchi palazzi nobiliari, antiche chiese (fra cui la più piccola della città etnea), le case modeste dei pescatori, murales sbiaditi, panni stesi e profumo di buona cucina fra i tanti locali che si trovano incastonati fra intonaci imperfetti. I bambini che giocano fuori, con le loro risate vi trascineranno dentro una foto perfetta dove non occorre alcun filtro.

Piazza del Duomo

E’ il primo posto che raggiungerete una volta in città, il primo sì, perchè Piazza Duomo è la sintesi di tutto ciò che è Catania. Barocca, di un grigio elegante che si alterna al bianco, maestosa, storica, viva. Dal Palazzo degli Elefanti alla fontana dell’Amenano, dalla Cattedrale di Sant’Agata al Palazzo dei Chierici fino alla Fontana dell’Elefante, simbolo della città, non avete che l’imbarazzo della scelta per fotografare. Che preferiate la visione d’insieme o focalizzarvi sui tanti dettagli, il vostro scatto qui sarà comunque memorabile, a patto che abbia un orizzonte dritto!

L’Etna

Andare a Catania e non organizzare l’escursione sull’Etna e nell’omonimo Parco Naturale è impensabile. A 30 km dalla città il vulcano attivo più alto d’Europa vi attende per godere di uno spettacolo unico e suggestivo. I suoi colori sono spettacolari e son proprio le sue sfumature che comporranno il vostro scatto: scale di grigi, di rossi, di gialli, di verdi da incastrare come pezzi di un puzzle dentro lo smartphone.

L’arancino e il cannolo

Se andate a Catania, due cose non mancheranno e non devono assolutamente mancare nella vostra gallery di Instagram: il cannolo alla ricotta e l’arancino. Sono due istituzioni in Sicilia ed in città non ne potrete fare a meno. Con loro fra le mani potrete instagrammare tutto, sicuri che la foto verrà benissimo, anche perchè questi due sono davvero fotogenici.

Quindi il consiglio è, se avete fotografato tutto e di più e vi avanza il vicoletto anonimo, piazzateci un arancino davanti e diventerà lo scatto dell’anno.

Una cosa possiamo dirvi con certezza: se iniziate a fotografare Catania, non la finirete più perchè è dannatamente ed incredibilmente instagrammabile!

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
...