News

InstameetItalia5: tra gli ospiti Philippe Gonzalez

L’InstameetItalia5, il primo Instameet intercontinentale che si è tenuto il 26-27-28 giugno a Milano, ha ospitato 18 special guest da tutto il mondo. Ve li abbiamo presentati uno alla volta, dedicando loro una breve intervista, affinché poteste conoscerli meglio.

Abbiamo voluto però tenere per ultima, e non a caso, quella a Philippe Gonzalez (@philgonzalez), per il messaggio da cui partire e da ricordare, a evento concluso con successo, in vista di tutti i prossimi appuntamenti “live”.

Phil è il fondatore della community degli Instagramers e tra gli appassionati di fotografia mobile è certamente il personaggio più conosciuto e amato. Il suo interesse, più che nella fotografia in sé, risiede nelle persone, che ama ritrarre e con cui adora socializzare. In questo è per lui l’essenza di Instagramers e degli Instameet in generale.

phil04Raccontaci: chi è Phil Gonzalez?

Sono nato in Francia da famiglia spagnola, ma potrei essere anche italiano, probabilmente (LOL). Mi sono trasferito a Madrid dove ho ultimato i miei studi in area business… ormai 20 anni fa. Era parte di un sogno, un progetto che avevo fin da giovane molto chiaro nella mia testa. Volevo tornare alle mie radici e così ho fatto. Sono felice della mia vita. Trascorro molto tempo socializzando e viaggiando, oltre che facendo quello che adoro, ossia incontrare persone e divertirmi. Preferisco sicuramente diffondere entusiasmo anziché problemi. A parte Instagramers, un hobby che assorbe tutto il mio tempo libero, sono Digital Director di AMC Networks (i produttori di Breaking Bad, Mad Men e The Walking Dead) e adoro il mio lavoro.

Parlaci della tua storia di fotografo. Quando hai cominciato a scattare?

Non mi considero un fotografo. Ho sempre amato dipingere su canvas e disegnare, fin da quando ero un ragazzino, poi ho scoperto il potere di Internet, quando ancora era all’inizio. Ho fondato diverse start-up. Finché 5 anni fa, ormai, ho scoperto che Instagram aveva un grandissimo potenziale come strumento di comunicazione in cui la fotografia era solo una scusa per incontrare persone e condividere esperienze memorabili. E’ così che ho iniziato a condividere momenti di vita al meglio delle mie possibilità… ed è ciò che continuo a fare.

Com’è nato il progetto Instagramers?

In una pigra domenica mattina ho letto che qualche utente stava cercando “best practice” su Instagram. Ho pensato subito che sarei potuto essere d’aiuto grazie alla mia conoscenza dei social network e delle app. All’inizio ho aperto il blog www.instagramers.com, dove ho iniziato a scrivere tutorial, fare recensioni di app e intervistare utenti suggeriti nel mondo. Poi mi è venuto questa folle idea di creare gruppi locali sotto il brand Instagramers, definendoci IGers, per non avere problemi con il marchio Instagram. E’ stata un’idea semplice, ma che aveva davvero senso di prendere forma. Abbiamo lanciato subito Barcellona, Madrid e qualche altro gruppo spagnolo, poi sono arrivate l’Italia, il Regno Unito, le Filippine e Singapore. Oggi ci sono oltre 400 gruppi in più di 60 nazioni nel mondo. Migliaia e migliaia di persone si sono incontrate, hanno iniziato progetti insieme grazie agli Instagramers. Alcuni si sono innamorati e altri hanno avuto degli “insta-baby”. A livello globale vengono organizzati circa 50 eventi al mese. E’ impressionante cosa possa fare il potere delle persone. Da 4 anni questa passione per la community di Instagramers prende tutto il mio tempo libero e ho dovuto lasciare da parte altre mie attività. Anche la mia “carriera” da mobile photographer è stata interrotta per via delle energie che vengono assorbite dal network di Instagramers, ma credo comunque ne valga la pena.

phil00Il tuo stream è estremamente vario. Quali sono i soggetti che preferisci fotografare?

Le persone. Io adoro passare del tempo con le persone. I nostri stream di utenti Instagram evolvono ogni anno. Io per esempio ho cominciato come fan assoluto di Hipstamatic, poi ho avuto un periodo HDR, poi un anno in bianco e nero. L’anno scorso, nel 2014, ho improvvisamente deciso che avrei condiviso solo momenti felici e sentimenti a colori, tuttavia cerco di non dedicare oltre un minuto all’editing delle foto.

Non si vedono video nella tua galleria. Pensi che Instagram di fatto sia idoneo solo a ospitare fotografie?

Instagram ha lanciato la condivisione video due anni fa come contromossa nei confronti di Vine (di proprietà di Twitter) e soprattutto per motivi legati al business e alla pubblicità, ma oggi meno del 5% del contenuto complessivo condiviso su Instagram è fatto di video. Gli Instagramer della prima ora sono di fatto più affezionati alle foto e i video devo dire li usiamo molto poco. Non c’è niente di male, solo che troviamo meno divertente editare o condividere video allo stesso modo in cui abbiamo invece sempre fatto con le fotografie.

Secondo te quale sarà il futuro di questo social network?

Fin dall’inizio, quando Instagram ha iniziato a prendere piede così velocemente, ho iniziato a interrogarmi su quale postesse essere la ragione principale di un suo eventuale fallimento. Ho pensato che gli Instagramers potessero essere un valore aggiunto nella “gara ai like e ai follower”. Perché credo che il futuro di Instagram debba necessariamente passare per l’invito costante a far parte di una community e a condividere attività. E’ per questo che già 4 anni fa aveva senso costituire la community di Instagramers ed è per questo che oggi il team di Instagram sta copiando la nostra strategia, creando gruppi locali come abbiamo fatto noi fin dall’inizio, con Instagramers Italia, Spagna, Francia… loro la chiamano #CommunityFirst. Tutti i local manIGers avevano già in testa questa strategia 4 anni fa!

phil02Volendo dare tre suggerimenti per avere successo su Instagram, a cosa diresti di prestare attenzione?

– Siate voi stessi
– Siate voi stessi
– Siate voi stessi

Ci sono account che ti ispirano particolarmente su Instagram e che non ci si dovrebbe perdere?

Mi è stato chiesto così tante e volte e ogni volta non so mai cosa rispondere. Ci sono tantissimi profili meritevoli di attenzione. Se però volete fare una cosa buona, seguite @unicef e aiutateli a rendere il mondo un posto migliore.

Ci sono progetti cui stai lavorando e di cui puoi darci qualche anticipazione?

Per seguire il blog Instagramers.com, partecipare agli instameet e seguire le attività mensili della Instagramers Gallery a Madrid, mi rimane davvero poco tempo. Sono molto interessato alla Realtà Virtuale e credo che sia proprio la prossima svolta in termini di nuove tecnologie e comunicazione. Spero di essere in un qualche modo coinvolto in questa nuova ondata tecnologica. In agosto la mia azienda, AMC Networks, rilascerà “Fear the Walking Dead, stagione uno” e sarà una grande sfida per i miei team digital in Spagna, Portogallo e America Latina. In questi mesi questo progetto mi sta assorbendo completamente.

 

In English

 

How would you describe Phil Gonzalez?

I´m a french born guy from a spanish family but I could have been Italian I think, lol. I moved to Madrid when I finished my business studies…Already 20 years ago! It was part of a dream, a youth life project I had very clear in my mind since I was a little boy. I wanted to come back to my roots. So I did it. I´m quite very happy with my life. I spend almost all my time “socializing” and travelling and doing what I love, meeting people and having fun. I prefer to spread enthusiasm rather than problems. Aside “Instagramers” (a hobby that takes me all my free time) I´m Digital Director at AMC Networks (producers of Breaking Bad, Mad Men and The Walking Dead). I love my job.

Tell us about your story as a photographer: when did you start taking pictures?

I do not consider myself as a photographer. I´m a man who used to love painting oil canvas and drawing since very young, then I discovered the power of Internet in its early steps. I founded several start-ups.. Soon 5 years ago, I found out that Instagram was an amazing communication tool where photography was a simple excuse to meet people and have great experiences.. So I started sharing moments the best I could and that´s what I simply try to do.

phil01Tell us about the instagramers project

On a lazy Sunday morning, I read users wondering about Instagram’s best practices… I suddenly thought I could help them with my knowledge regarding social networks and apps. I first started writing in my blog www.Instagramers.com with tutorials, apps reviews and interviews of highlighted users around the world. Then we had this crazy idea to create local groups with the Instagramers brand. We would call them IGers to avoid problems with Instagram brands. It was a simple idea but it terribly made sense. We launched Barcelona, Madrid and some Spanish groups and then joined us groups from Italy, Uk, Philippines and Singapore. Today – there are more than 400 groups in the world so far in more than 60 countries. Thousand and thousand of people met, started projects thanks to Instagramers, some of them fell in love and other had “instababies”. We organize around 50 events each month around the globe. it´s amazing what power of people can do. I had to leave some of my other passions aside as I dedicate quite all my free time to the Igers Community since more than 4 years. Even my mobile photographer career stopped from my dedication to this funny and humble network but I think it’s worth it!

Your stream is so various. What are your favorite themes: architecture, street, tell us!

People. I mostly enjoy sharing moments with people. Our streams as Instagram users evolve each year. I started as an Iger very fond of Hipstamatic, then I had an HDR period, and finally had one year “black and white” pictures. Last year, in 2014, I suddendly decided to share only happy and colorful feelings. I try not to spend more than 1 minute editing pics.

Videos don’t appear in your gallery. Do you think Instagram should only be about photos?

Instagram launched video sharing two years ago as a counterstrike against Vine (Twitter) and mainly for business and advertising reasons but today less than 5% of the content shared on Instagram are videos.. Most of Instagram “early adopters” are stuck on sharing pictures and we don´t really use videos. It´s not a bad thing but we do not enjoy editing or sharing videos the way we always did with photography.

phil03What do you think is the future of this social network?

Since the really first steps of successful Instagram, I thought of which could be the main reason or failure.. And I thought Instagramers could be an added value to “Likes and Followers race” .. I think that future of Instagram is encouraging community feeling and activities.

That´s why Instagramers made sense more than 4 years ago and that today Instagram´s team is replicating our strategy creating local groups like we did before with Instagramers Italia, Spain or France… #Communityfirst says Instagram. That´s something that was clear for all our local manIGers mind more than 4 years ago!

Should you give 3 advices to succeed in Instagram, what would you suggest people should pay attention to?

– Be yourself.
– Be yourself
– Be yourself

Are there any inspiring “must be followed” profiles you think we should not miss?

I have been asked so many times this and i dont know what to answer.. There is so many profiles that worth it… if you want to make a good action , follow @unicef and help them making a better world.

Is there any other project you’re working at you can give us some hints about?

Aside Instagramers.com blog, attending Instameets and our Instagramers Gallery montlhy activities in Madrid, I have very few time left.. I´m very interested in Virtual Reality and I think it´s the big next thing on New technologies and communication. I hope to be involved some way on this new wave… Next August, my company “AMC Networks” is going to release “Fear The Walking Dead” “first season” and that will be a great challenge for my digital teams in Spain, Portugal and Latino America. I´m mostly focused on these amazing project these last months.

Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
Cortona On The Move Iquii acqua village follonica cecina

Pin It on Pinterest

Share This