News

InstameetItalia5: tra gli ospiti Thomas Kakareko

L’InstameetItalia5, il primo Instameet intercontinentale che si terrà il 26-27-28 giugno a Milano, come anticipato ospiterà 17 special guest da tutto il mondo. Abbiamo deciso di presentarveli uno alla volta, dedicando loro una breve intervista, affinché possiate conoscerli meglio. Oggi vi presentiamo uno dei migliori street photographers di Instagram: ha iniziato con il bianco e nero, che è a oggi ancora il suo tratto distintivo, raccontando una Berlino straordinaria. Oggi i brand più noti lo acclamano. E’ con noi Thomas Kakareko (@Thomas_k).

thomas6Chi è Thomas Kakareko?

Sono una persona comune. Un fotografo che prima di Instagram era già interessato alla fotografia, quindi credo di essere fortunato, da questo punto di vista. Sono stato nel posto giusto al momento giusto, questo è certo.

Quando dici “al posto giusto nel momento giusto” ti ricordi esattamente quel momento? Cos’è successo?

Ho installato Instagram sull’iPhone e per me è cambiato tutto

Avevi già lavorato nel mondo della pubblicità?

No, stavo studiado all’epoca e avevo anche un lavoro tranquillo… una vita normale, diciamo

Qthomas4uando hai capito che Instagram sarebbe potuto diventare l’inizio di una nuova vita per te?

E’ successo quando mi trovavo all’estero per conto di un brand per la prima volta… credo fosse fine 2011 o 2012. Avevo già una solida fan base su Instagram, ma non mi era ancora capitato di ricevere incarichi o guadagnare soldi per questo. Fui contattato un giorno da un brand, un produttore di calzature. In quel periodo c’era una fiera dedicata alla Moda a Berlino e fui invitato per andare a fare qualche foto ai prodotti di questo marchio. Credo di aver guadagnato tipo 400 euro e un paio di sneakers. Successe ancora qualche tempo dopo: mi invitarono a un party per fare delle foto e quella volta il compenso fu di circa 200 euro. Ho quindi cominciato a pensare che ci fosse una domanda per servizi di questo genere, qualcosa che oggi chiamiamo Influencers Marketing ma che all’epoca ancora non si sapeva bene cosa fosse. Fu così che cominciai a provare a prendere sul serio questa attività, parlando con le persone, cambiando anche idea più volte… Finché non ho trovato le persone giuste e ho fondato la mia agenzia, realizzando uno dei miei sogni.

Ci sono regole speciali che segui quando lavori con un brand? I brand vogliono solo vedere i loro prodotti nel tuo stream o capiscono il tuo approccio artistico?

Alcuni sì, altri no. O meglio non lo capivano in passato, quando ero più “piccolo” e avevo meno fiducia in me stesso. In quel periodo ho fatto cose che probabilmente oggi non rifarei. Oggi se non mi identifico con il marchio, non accetto di lavorarci, anche se mi offrono più di quanto io chieda. Non ne sarei felice io e non ne sarebbero contenti i miei follower quindi non lo faccio. Ho una visione artistica e so cosa si sposa bene con il mio stream e cosa no. Cerco di essere sempre molto aperto quando si tratta di lavorare con i brand e spiego che non sono disposto a fare cose rispetto alle quali io non mi senta a mio agio.

Quanto Instagram c’è nel tuo lavoro?

La gran parte del mio laoro è legata a Instagram. Direi che l’80% di quello che faccio ha una relazione con questo social network

thomas3Sei contento di quello che è diventato oggi Instagram? Intendo dire con i video, gli emoticon tra gli hashtag da poter cercare…

Personalmente a me non piace, ma via via che il tempo passa cerco sempre più di ignorare queti dettagli. Quindi per me su Instagram niente video e niente messaggi diretti. Per  me solo foto e community.

E fotografi solo con il tuo smartphone?

No, non più. Sono stato rigidamente mobile per anni, ma col passare del tempo volevo diventare un fotografo migliore, fare progressi. 6 mesi fa circa mi sono reso conto che avevo smesso di essere solo mobile a un certo punto perché lo trovavo estremamente limitante e volevo provare nuovi strumenti. Sono ancora molto lontano dal sapere come si usi correttamente una fotocamera, ma ci sto arrivando e so che con la pratica sto migliorando molto.

Credi che la pubblicità su Instagram possa rendere i brand più consapevoli e autonomi, come verso gli altri media?

Potrebbe succedere, sì. Instagram ha dato molte chance ai fotografi e ora sta interagendo con i brand dando loro la possibilità di fare una comunicazione più mirata verso gruppi meglio targetizzati, con i quali oggi è più facile entrare in contatto. Quindi sì, ambo le parti credo possano beneficiare del marketing boom su Instagram

Quali sono le 3 regole da seguire per aver successo su Instagram?

Trovare il proprio linguaggio visivo. Io ci ho messo 6 mesi per scoprire cosa volevo fare, cosa volevo mostrare. E’ qualcosa che oggi gli Igers si stanno dimenticando. Vogliono solo diventare grandi, viaggiare e cose del genre… ma Instagram riguarda ancora la fotografia e la community, Quindi prima di tutto credo si debba curare il proprio linguaggio visivo e poi puntare sulle connessioni, Tu stesso devi diventare parte della community. Devi interagire con le persone, controllare le foto, trovare chi ti possa ispirare e contattarlo direttamente. Senza fingere di essere diversi da ciò che si è.

C’è qualche account Instagram che secondo te non dovremmo perdere?

Ce ne sono così tanti, che davvero non saprei da dove partire

E c’è qualche progetto su cui stai lavorando e di cui puoi parlarci?

Di fatto è un progetto personale. Vorrei andare in Asia. Mi piacerebbe andare in Cina, più precisamente. A Hong Kong, Pechino, Shanghai… spero che accada quest’anno.

 

In English

 

thomas5Who’s Thomas Kakareko?

I’m a regular guy, I’m a photographer, before Instagram I’ve always been interested in photography, so I’m a lucky guy I guess… I was at the right place in the right time, that’s for sure

When you mention the right time at the right place do you exactly remember that moment? What happened?

I installed Instagram on my iPhone and it changed everything for me

Had you already worked in advertisement?

No, I was studying at that time and also had a regular job… like a normal life

When did you understand that Instagram could be the beginning of a new life for you?

It happened when I was abroad for a brand for the first time … must have been like end of 2011 or 2012, so I already had like a solid following on Instagram but I never had the chance to get commissioned or to earn some money … and that day I was contacted by a brand, by a shoe manufacturer, and I remember in Berlin at that time, there was like a fashion trade fair and they invited me to go there and to take the pictures and take photos to products and stuff . I remember I could have earned some 400 € , and bought me a  couple of sneakers and then again the same thing after, I was invited to a party and I took pictures and this time for 200€ and at that time I started thinking that there might be like a demand for services like that, for something that we call Influencer Marketing today but still didn’t know what it was at that time. So yes I thought I wanted to try to get more serious and talk to people, change ideas and I was enough to find the right people and we founded our agency and yes I’ve believed in my dream ever since.

Are there any special rules you follow when you deal with a brand? Are brands simply willing to see their products in your pictures or do they understand your artistic approach?

Some do, others don’t… or didn’t,  especially at the beginning, when I was “smaller” and less self-confident I probably did stuff that I wouldn’t do today. Today if I don’t identify myself with the brand there’s no chance for me to work with them, although they offer me more money than expected. I wouldn’t be happy, my followers wouldn’t be happy, so there’s no point in doing it. So I have an artistic vision and know what fits my stream and what doesn’t. I try to be very open with this when I work with a brand and yes, I wouldn’t do anything if I wouldn’t be confortable with it.

thomas2How much of Instagram is in your job?

Most of my job is related to Instagram. Maybe 80% of what I do are about Instagram

Are you happy of what Instagram turned to be today? With icons amongst the hashtags you can search, with videos…

Personally I’m not very happy. But as time goes by I started to ignore it, so for me there are no videos on Instagram, there are no icons, there is no direct messaging… For me it’s still only about pictures, only about community

And do you take your pics via your smartphone only?

No, not anymore. I’ve been strictly mobile only for years but as time went by I wanted to become a better photographer, to achieve some progress. Like half a year ago I found out I stopped at some point because I was limited due to my mobile only approach and wanted to try new gear. I’m still far from knowing how to use a camera properly, but it’s a process and I want to go on with it as I know that practicing a lot I’m becoming a better photographer.

Do you think that adv on Instagram will make brands more confident in their possibility not to involve influencers anymore and just treating this like any other media?

It could be. Instagram’s been giving several chances to photographers and now is interacting with brands giving them the chance to target their communication to target groups, so it’s easier for brands to connect with these people. So I think both sides are benefitting a lot from the marketing boom on Instagram.

thomas1What do you think are the 3 rules to follow to be successful on Instagram?

Find your own visual language. It took me almost 6 months to figure out what I wanted to do, what I wanted to show. This is something a lot of Instagramers forget today. Everybody wants to become big, and travel and stuff… but Instagram is still about photography and the community. So first think about your visual language and then it’s all about connecting. You have to become part of the community yourself. You have to get in touch with people, check pictures, and find people that inspire you, get in touch with them. Don’t pretend to be somebody else.

And are there any accounts that you would absolutely recommend?

Well, they’re sooo many… I really cannot tell

Is there any project you’re working on?

I would like to travel Asia, at some point… I’d want to go to China. Visit Hong Kong, Beijing, Shanghai. I hope it’s happening this year.

 

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
Cortona On The Move Iquii acqua village follonica cecina

Pin It on Pinterest

Share This