Igers a Torino

Igers a Torino

Giovedì scorso sveglia presto, prestissimo, quasi l’alba… anzi no fuori è ancora buio. Insomma, non faccio in tempo a farmi venire in mente che voglio entrare nel mondo degli Instagramers e di @Igersvarese che vengo subito catapultata a seguire il primo Tour a Torino per #artissima2013 e #OneTorino per l’Internazionale d’Arte Contemporanea di Torino.

Guest Post di Sharon Sala

E’ la prima volta che partecipo alla Internazionale d’Arte Contemporanea di Torino. In un’occasione speciale come questa, siamo stati guidati durante le visite alle mostre per comprendere meglio le opere moderne che non sempre, per chi non mastica l’arte tutti i giorni, possono essere di facile interpretazione.

Presa dall’ansia (mi durerà la batteria?) mi porto dietro di tutto: carica batteria, batteria aggiuntiva della cover e ricaricabatteria mobile. Sia mai che durante il  momento topico mi muore il telefono.

Il programma della giornata è fitto d’impegni e mostre da vedere.

Ore 10:00 appuntamento al GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea – per una visita guidata della mostra One Torino “Ideal Standard Forms”.

Giusto il tempo di un caffè, un giro veloce e dal GAM ci dobbiamo spostare al Palazzo Cavour per la visita alla mostra “Repertory” che fa sempre parte del progetto One Torino ideata da Artissima.

Riusciamo a fermarci per mangiare e mettere sotto carica gli smartphone che già danno segni di cedimento dopo la mattinata tra scatti e tweet. Come sempre nei locali ci sono uno o al massimo due prese e bisogna darsi il cambio. Prima lezione da Igers che imparo è: portarsi dietro una ciabatta da 4!
Il tour riprende puntando verso il Castello di Rivoli – Museo d’Arte Contemporanea, dove sia il castello che la vista sono da togliere il fiato.
Chiudiamo il giro ad Artissima a Lingotto Fiere, dove partecipiamo al vernissage e approfittiamo dell’occasione per conoscere lo chef Giovanni Grasso del Ristorante La Credenza.
Approfittiamo della disponibilità e della gentilezza dello chef che ci mostra la cucina e l’area lounge offrendoci anche alcuni assaggi. Ammettiamolo in fondo noi Igers siamo delle buone forchette 🙂
Peccato solo che dopo lo showcooking e aver avuto modo di sentire, solo con l’olfatto, il profumo del tartufo bianco ci tocca rientrate, ma la strada da fare è tanta ed è ora di cena.

Grazie anche a @igerstorino per averci ospitato, sperando di ricambiare quanto prima con un tour a Varese.

Condividi:
Potrebbe interessarti anche

Scrivi per primo un commento.

Dicci cosa ne pensi

Partner
...